Home page Sul sito Storia Persone Natura Archeologia industriale Sport Links
Scienziati Religiosi Nobili Altri

Quante persone occorrono per aprire un museo?
Grazie a...
2013: si apre la nuova sede del
Civico Museo Didattico di Scienze Naturali Mario Strani.



Tutte le inaugurazioni che si rispettano comprendono una lunga sequela di ringraziamenti.
╚ fin troppo facile cadere nella trappola delle frasi fatte e dell'elenco lunghissimo per non offendere nessuno.
Ci˛ nonostante Ŕ importante correre questo rischio per rendere merito a coloro che si sono dati da fare.
Per limitare al minimo il rischio di dimenticare qualcuno prover˛ a farlo riassumendo le tappe salienti del progetto e chi se ne Ŕ occupato.

Nella seconda metÓ degli anni '90 in un consiglio direttivo dell'Associazione Naturalistica Pinerolese il direttore del museo presenta l'ipotesi di portare il museo a Villa Prever. Il Consiglio Direttivo approva. Da allora se ne sono succeduti 3.
L'allora sindaco, contattato in prima fase in modo informale, condivide l'idea che nelle fasi successive avrebbe coinvolto 3 amministrazioni.
L'esecuzione dei lavori ha richiesto progettisti, sovrintendenze, muratori, imbianchini, tubisti, elettricisti, restauratori di opere pittoriche e di stucchi, restauratori di arredi, consulenti della sicurezza ed altri ancora.
Trasloco e allestimento hanno richiesto un'impresa di traslochi, esperti nella posa di tappeti, vetrai, imprese di pulizie, tipografie...
Il tutto Ŕ stato tenuto insieme da volontari che per tutto questo tempo hanno supportato lo sviluppo dei lavori di competenza istituzionale e fatto direttamente una varietÓ di lavori dal ricupero di oggetti nella villa prima dei restauri e fino al ripristino e allestimento.
Esistono volontari “permanenti” che si occupano sistematicamente del museo, e molti “occasionali” che a fronte di richiesta specifica si precipitano ad aiutare. A questi va la massima parte del merito per il trasloco vero e proprio che Ŕ avvenuto principalmente con loro.

E infine: l'inaugurazione!
Qui ci sono voluti i volontari, l'amministrazione, l'istituto Alberghiero, i Da¨ e le altre associazioni che in qualche caso hanno dovuto rinunciare alla serata per permettere la festa.

E per il futuro: il comitato scientifico.
Il trasferimento nella nuova struttura Ŕ stato usato dall'Associazione come occasione per costituire un Comitato Scientifico strutturato che inizierÓ ad occuparsi del museo insieme ai volontari. Sono stati coinvolti personaggi che operano nel settore in modo professionale che hanno risposto in modo positivo e con entusiasmo all'idea.

Confido che questo piccolo racconto possa essere un ringraziamento almeno senza omissioni clamorose per tutti coloro che a titolo volontario o professionale, in modo continuo o occasionale, hanno permesso di arrivare al traguardo.


MarioStraniIndex

Torna indietro
^ Torna all'inizio
Language choice - Scelta della lingua